23° Trofeo dei Laghi, Sesto Calende (Va) 15 febbraio 2015

Ottimi risultati per le due squadre ARK presenti al 23° Trofeo dei Laghi.
Il resoconto della trasferta attraverso gli occhi di un membro di entrambe le squadre:

ARK A
20150215_144724
(Luigi Salvia, Gennaro Lapadula, Roberto Oliva)

Il mattino di domenica si apre con una nevicata e temperature minime, il riscaldamento, il saluto e la sempre calorosa accoglienza degli amici dell’organizzazione del Trofeo. La squadra ARK A scende in campo con la formazione: Oliva (senpo), Salvia (chūken) e Lapadula (Taishō).
Inizio di mattinata un po’ lento per gli atleti che riescono comunque a qualificarsi primi nella propria poule. Per motivi di tempo si decide di continuare senza interruzione, quindi dopo le poule si passa subito alla fase ad eliminazione diretta. I ragazzi riescono ad arrivare in semifinale dove affrontano la squadra di casa del BKK. Lo scontro finisce in parità, l’incontro dovrà così essere risolto per spareggio daihyō-sen, di cui si occuperà Lapadula che con un men traghetta la squadra in finale. Ed è così che l’ARK A finisce in finale contro i compagni di dōjō ARK B. Lo scontro si apre con Oliva opposto a Ricci, dove dopo un paio di minuti Ricci mette a segno due men in rapida successione portando la squadra B in vantaggio. Vantaggio che resta invariato dopo l’incontro Salvia contro Banchetti, risoltosi sull’uno a uno con un kote segnato per entrambi. Dopo un duro inizio tra Lapadula e Rinaldi l’incontro conclusivo termina con uno zero a due per il nitoka Rinaldi che mette a segno due men portando alla vittoria la squadra ARK B. Grande soddisfazione per l’Accademia che riesce a portare tutte e due le squadre sul podio conquistando la prima e la seconda posizione. Si ringraziano gli ospiti del Trofeo dei Laghi per la loro accoglienza. Menzione speciale per i premi consistenti in pregiate targhe disegnate appositamente per il torneo dal M° Lino Piatti.

ARK B
20150215_145427
(Maurizio Ricci, Enrico Banchetti, Enrico Rinaldi)

Sembra essere tratto da una delle fiabe di Andersen il paesaggio che ci dà il buon giorno in questa fredda mattinata domenicale varesina. Usciamo dall’albergo, borse e shinai in spalla, e subito ci troviamo avvolti nel bianco candore della neve caduta nella notte che ancora, cadendo, ci carezza le teste. Restiamo qualche minuto davanti alle macchine a vivere questa insolita, almeno per alcuni di noi, sensazione, per poi salire a bordo e percorrere i circa due km che ci separano da Sesto Calende dove avrà luogo questa 23° edizione del Trofeo dei Laghi, gara internazionale di kendō a squadre di tre elementi, organizzata dal BKK Kendō Club. Sono 23 in totale le squadre che prendono parte a questa edizione, due in rappresentanza dell’Accademia Romana Kendo. Terminata la fase di riscaldamento e presa visione dei sorteggi ci si separa: noi, ARK B, tireremo nello shiai-jō B, mentre ARK A nello shiai-jō A. La squadra ARK B scende in campo con la formazione: Ricci (senpo), Banchetti (chūken) e Rinaldi (Taishō). Il nostro girone, da tre squadre, ci vede affrontare dapprima l’Heijoshinkan Voghera e poi una giovanissima squadra del Kitayama Marola. Superato il girone come primi classificati il tabellone ci indirizza ad affrontare agli ottavi il Jinseikan Varese, confronto che si conclude con due vittorie da parte nostra e un pareggio. Ai quarti troviamo ad aspettarci il Doshinken Alessandria per quello che sarà un incontro molto tirato rimasto in bilico fino all’ultimo. Terminato con una vittoria per parte per due a zero e un pareggio, si va al daihyō-sen che vede Ricci opposto a F. Mortara. Lo spareggio si risolve entro il minuto grazie a un katate-men di Ricci che porta la squadra in semifinale contro l’altra compagine alessandrina, il Kodokan. Confronto sulla carta non certo facile; il primo combattimento vede Ricci prevalere per 1-0 su Sozzi; stesso risultato e vittoria anche per Banchetti contro Ricaldone; mentre Rinaldi conclude il suo incontro con un pareggio senza ippon contro l’inossidabile Gebbia. Nel frattempo i risultati che giungono dall’altro shiai-jō ci fanno sapere che ci aspetterà uno scontro con i nostri compagni di squadra dell’ARK A, per una finale tutta romana. Dopo un abbraccio comune ci si separa, ogni squadra raggiunge il proprio lato dello shiai-jō, pronti allo scontro. Il primo incontro vede opposti Ricci e Oliva e si conclude con la vittoria del primo per 2 ippon a 0. A seguire è la volta di Banchetti protagonista con Salvia di un incontro dall’esito incerto che si concluderà in pareggio con un ippon per parte. Siamo dunque in vantaggio ma non con la matematica certezza della vittoria finale che arriverà solo dopo il terzo e ultimo incontro che vede Rinaldi affrontare Lapadula in un confronto molto duro dal punto di vista fisico, risoltosi a favore del primo per 2 ippon a 0. Finito l’incontro e scaricata la tensione siamo di nuovo tutti insieme, stretti in un abbraccio, due squadre che in realtà sono una squadra sola, unita oltre tutto, risultati compresi. Ed è questo lo spirito che ci riaccompagna nel viaggio di ritorno verso Roma, con la mente volta al futuro, pronti a tutto e, perché no, anche a un’altra finale che qualcuno simpaticamente definirebbe “fratricida”.

neve
(fuori dalle finestre dell’albergo)

20150215_144358
(le due squadre ARK al completo)

20150215_144508
(il nostro nuovo sponsor)

Annunci
Questa voce è stata pubblicata in Senza categoria. Contrassegna il permalink.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...